Home TECNOLOGIE Hardware Il futuro di Intel guidato da IoT, VR, autonomous driving e 5G

Il futuro di Intel guidato da IoT, VR, autonomous driving e 5G

All'alba degli importanti processi di digital trasformation, Industria 4.0 e IoT che stanno rivoluzionando lo scenario tecnologico e di business, il colosso americano affina ulteriormente la sua strategia.

Intel, Il futuro di Intel guidato da IoT, VR, autonomous driving e 5G
Maurizio Riva, country manager di Intel in Italia

Prosegue il cammino evolutivo di Intel. L’azienda nata come produttore di memorie, si è evoluta nel tempo per diventare prima una Pc company e quindi una data company, con una focalizzazione sul data center, sui “multidevice” che gli si connettono e su tecnologie abilitanti come gli acceleratori.

All’alba degli importanti processi di digital trasformation, Industria 4.0 e IoT che stanno rivoluzionando lo scenario tecnologico e di business, il colosso americano affina ulteriormente la sua strategia.

“I quattro vettori fondamentali della nostra strategia per il futuro sono Intelligenza artificiale, 5G, Realtà virtuale e “autonomous driving – ha detto Maurizio Riva, country manager di Intel Italia – . Intel continua e continuerà a sviluppare processori client e server, ma oggi è fondamentale essere leader di mercato in tutti questi quattro settori”.

In linea con questa proposizione strategica si inserisce il lancio dell’architettura Xeon di ottava generazione che, come precisato da Riva, dopo anni di evoluzione viene ora completamente re-ingegnerizzata.

Alla nuova architettura corrispondono quattro nuove serie di processori, contraddistinti da un nuovo tipo di denominazione. Scompare la precedente suddivisione che caratterizzava la Gen7 in i3, i5 e i7 in favore della dicitura bronze, silver, gold e platinum.

Oltre a definire la suddivisione tra processori a 2, 4 e 8 socket, i nuovi processori nascono per fornire un livello di specializzazione in funzione della tipologia di applicazioni e di carico elaborativo come il deep learning e machine learning.

Questo obiettivo, come precisa Riva, fino a poco tempo non era sostenibile mentre invece ora rappresenterà una direzione caratteristica dello sviluppo di Intel, che si orienterà sempre più verso uno sviluppo “ad hoc” per abilitare le soluzioni tecnologiche dei propri partner.

“Abbiamo sempre più bisogno di capacità di computazione sull’ “edge” – ha continuato Riva -. Alcuni pensano ancora al processore nell’edge come a una sorta di micro controller, mentre non è più così. La quantità di dati prodotta dai sensori perimetrali sta arrivando a volumi incredibili e tutto ciò richiede che il dato sia elaborato nel punto in cui viene raccolto. Questo è un’importante cambiamento. Intel è l’unica azienda in grado di fornire soluzioni end to end, che spaziano dai processori per l’edge a quelli per il data center”.

SSD Intel Optane: pensati per il gaming

Intel ha anche annunciato la disponibilità dal 27 ottobre 2017 su tutti i negozi online delle unità SSD Intel Optane serie 900P, i primi SSD  per Pc desktop e workstation basati sulla tecnologia Intel Optane.

Intel, Il futuro di Intel guidato da IoT, VR, autonomous driving e 5G
SSD Intel Optane Serie 900P

Queste unità SSD sono caratterizzate da latenza ridotta ed elevate prestazioni di lettura e scrittura che le candidano per carichi di lavoro di storage più impegnativi, tra cui rendering 3D, simulazioni complesse, tempi rapidi di caricamento dei videogame e altro ancora.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UNA RISPOSTA

Per favore inserisci i tuoi commenti
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »