Home INTERVISTA Il futuro IoT secondo Red Hat

Il futuro IoT secondo Red Hat

Lis Strenger, product marketing manager IoT di Red Hat, spiega a bizzIT.it le opportunità e le sfide dell'Internet delle cose e parla della piattaforma end-to-end open source predisposta insieme ai partner Cloudera ed Eurotech

Red Hat IoT, Il futuro IoT secondo Red Hat
Lis Strenger, product marketing manager, IoT, Red Hat

Quali sono i benefici che l’IoT offre alle imprese?

L’Internet of Things (IoT) sta trasformando il modo in cui le aziende utilizzano la tecnologia. 

Con l’avanzamento e la disponibilità di dispositivi intelligenti e macchine intelligenti, l’Internet of Things evolverà portando alla presenza miliardi di dispositivi e macchine interconnessi che misurano, raccolgono, analizzano, monitorano e condividono informazioni utili.

In funzoine di ciò, l’IoT offre opportunità di guadagno, di aumento nell’efficienza operativa e abilita la nascita di nuovi prodotti e servizi resi possibili dalla trasformazione digitale.

Bain & Company, importante azienda di conulenza globale, ha previsto che il segmento IoT B2B genererà oltre $ 300 miliardi all’anno entro il 2020, compresi circa $ 85 miliardi nel settore industriale.

Come possono prepararsi le aziende a cogliere queste opportunità?

Questa trasformazione richiede la progettazione, la pianificazione e l’esecuzione in modo coordinato e collaborativo tra funzioni, “operation”, reparti e business unit.

L’IoT crea nuove sfide per le imprese, soprattutto quando si sceglie la tecnologia. Il mercato IoT si sta muovendo rapidamente sia nei player sia negli standard.

Gli “early adopter” che hanno selezionato piattaforme IoT proprietarie ora si trovano a disporre di funzionalità limitate, restando vincolati a uno specifico fornitore e stanno rivedendo le loro scelte.

Molte organizzazioni ora cercano alternative open source alternative, riconoscendo il valore delle comunità open source come hub dell’innovazione IoT e del continuo sviluppo.

E molte aziende ora comprendono che nessun singolo fornitore può completamente affrontare le sfide end-to-end che l’IoT impone.

Quali sono i rischi e quali sono gli ostacoli da superare per una gestione sicura dei dati?

La sicurezza IoT dipenderà da un numero di elementi che si estendono su più livelli dell’architettura virtuale distribuita. 

È importante proteggere i sistemi operativi, le tecnologie di virtualizzazione (VM o container) e le applicazioni ovvero tutte le risorse software distribuite. 

Tecniche come OpenSCAP possono aiutare a soddisfare i requisiti di conformità normativa e i requisiti sulla privacy dei dati

L’utilizzo di gateway intelligenti per completare i controlli di sicurezza e identità, crittografare i dati e così via rappresenta un approccio utile per creare una protezione multilivello, capace di proteggere i dati e i sistemi aziendali critici dall’esposizione a minacce che provengono dall’edge.

Come è possibile analizzare e in tempo reale l’enorme volume di dati creati dai sistemi IoT?

L’IoT collega il mondo fisico delle cose al mondo digitale dell’infrastruttura IT per raccogliere dati in un modo che non è mai stato possibile in precedenza.

Tuttavia, l’enorme volume di dati grezzi generati da milioni di endpoint ha creato nuove sfide per le imprese. 

Red Hat aiuta le aziende e i partner a utilizzare i flussi di dati, sia nuovi sia esistenti, per creare valore unico, per migliorare il coinvolgimento dei clienti e generare nuove opportunità di business.

Raccomandiamo un approccio che comporti il trasferimento di parte della capacità di elaboraziopne all’edge dove è possibile effettuare parte delle operazioni di analisi dei dati, filtro e impacchettamento in modo molto più economico rispetto a inviare ogni dato al cloud o al data center.

Alcuni dei nostri clienti stanno persino implementando meccanismi di Machine learning che consentono ai dispositivi di modificare la loro modalità operativa in base all’analisi dei dati e di eseguire, di conseguenza, azioni all’edge in tempo reale.

Qual è l’impatto del processo di standardizzazione sulla diffusione dell’IoT?

Il futuro dell’IoT dipenderà in larga misura dall’interoperabilità e dagli standard, insieme alla trasformazione verso un’infrastruttura 5G di tipo software defined.

L’implementazione di soluzioni IoT in scenari di produzione reali richiede più di un singolo fornitore per realizzare con successo le funzionalità richieste. 

In base all’esperienza maturata da Red Hat, le implementazioni IoT di successo hanno utilizzato una combinazione di fornitori di tecnologia, fornitori di rete, specialisti della sicurezza, sviluppatori e system integrator, che operavano come un team cooperativo, aperto, modulare e flessibile.

Qual è l’impegno di Red Hat su IoT e quali le prossime iniziative?

Le piattaforme open source assumeranno un ruolo guida nell’evoluzione IoT, mano a mano che le tecnologici diventeranno più mature e i grandi vendor lavoreranno sempre più congiuntamente sui componenti “upstream” della piattaforma IoT.

Molte organizzazioni sono alla ricerca di soluzioni IoT preconfezionate che siano aperte, integrate, modulari e che consentano innovazione collaborativa. 

Tuttavia, può essere complesso gestire soluzioni di più fornitori, incorporare molteplici progetti open source, convalidare la loro interoperabilità, integrarli per fornire le funzionalità corrette e garantire la futura compatibilità con gli aggiornamenti.

Progettare un sistema IoT end-to-end significa riunire dispositivi connessi, processi di business, pratiche DevOps e persone per collaborare attraverso quattro mondi complementari, ma spesso disconnessi:

  • Tecnologia operativa (OT);
  • Information Technology (IT);
  • Analytics e Machine Learning (ML);
  • Sviluppo di applicazioni tradizionali e moderne.

Ecco perché Red Hat e i suoi partner, Eurotech e Cloudera, hanno unito le forze e hanno integrato le loro tecnologie per fornire un’architettura IoT end-to-end e open source in grado di soddisfare le esigenze IoT aziendali.

Red Hat IoT, Il futuro IoT secondo Red Hat
L’architettura IoT end-to-end e open source, messa a punto da Red Hat, Cloudera e Eurotech

Coniugando l’esperienza di Red Hat come più grande azienda open source al mondo, le capacità e l’esperienza di Eurotech in ambienti tecnologici operativi e le competenze di Cloudera come azienda leader nella gestione dei dati e analytics, stiamo rendendo l’IoT più semplice per le aziende, fornendo un’architettura validata, modulare, flessibile, costruita per essere aperta, interoperabile e conveniente.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UNA RISPOSTA

Per favore inserisci i tuoi commenti
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »