Gruppo RES: una crescita costante all’insegna dell’innovazione

Freedata è l'ultimo tassello nel processo di espansione verso nuovi mercati di Gruppo RES, realtà italiana di software e servizi IT storicamente focalizzata sul settore finanziario. Tra le attività anche un laboratorio di Data Science con l'università di Pavia e un progetto per supportare start-up innovative.

Il palazzo che ospita gli uffici di Gruppo RES

Prosegue il processo di espansione di Gruppo RES, realtà italiana di software e servizi IT che, a partire dal 2014, ha avviato un processo di acquisizione per ampliare il proprio mercato storicamente focalizzato su soluzioni software di base a supporto prevalentemente del settore finanziario.

Mario Bonelli, presidente e fondatore di RES, delinea il percorso che ha portato l’azienda con sede a Milano a raddoppiare il proprio fatturato negli ultimi due anni portandolo a oltre 10 milioni di euro.

“Nel 2017 abbiamo compiuto 30 anni – spiega Bonelli -. In questi anni abbiamo attraversato gran parte della storia IT, raccogliendo sfide con entusiasmo e passione che ancora ci guidano. RES è nata all’interno di una nicchia focalizzata sul mondo mainframe e nel periodo compreso tra il 2008 e il 2012 ha rinnovato la sua proposizione verso il mercato espandendosi anche a livello internazionale con l’apertura di una società a New York. Nel 2014 abbiamo avviato una programmazione di crescita articolata su 7 anni che stiamo seguendo all’insegna di due direzioni: ampliare il nostro mercato di riferimento e aumentare il livello di innovazione e ricerca”.

Mario Bonelli, presidente di Gruppo RES

Da queste scelte sono nati due progetti interessanti.

Il primo è RES Academy, una struttura che si avvale anche del supporto dell’Università di Bergamo, per valorizzare l’imprenditoria giovanile, raggruppando in una rete di imprese start-up innovative a cui Gruppo RES fornisce supporto formativo, logistico, tecnologico, amministrativo, di marketing ed economico.

Il secondo progetto è RIDS (RES Institute for Data Science),  un laboratorio di ricerca metodologica e applicata in Data Science costituito dall’Università di Pavia e dal Gruppo RES.

L’ei['GoogleAnalyticsObject']=r;i[r]=i[r]||function(){">spansione con le acquisizioni

Il 2016 è stato un anno di espansione con l’acquisizione della società di System Integration PGB mentre è del 2017 l’acquisizione di G2 Informatica, società specializzata nella progettazione e commercializzazione di software per i settori finanziario, assicurativo, creditizio e manifatturiero. Il più recente tassello dell’espansione di Gruppo RES è la neo acquisizione del 100% di Freedata, azienda con 25 anni di esperienza nelle soluzioni di marketing digitale e CRM di tipo data driven.

Nel corso del tempo Freedata ha progressivamente intensificato la sua attività nell’analisi e misurabilità dei dati di marketing, indirizzandosi anche verso il mondo dei social e l’uso di tecnologie avanzate di business intelligence e marketing automation.

RES metterà a disposizione del personale dell’azienda neo acquisita l’infrastruttura IT necessaria a sviluppare ulteriormente modelli di marketing data driven, che il Gruppo conta di mettere a frutto in tutte i suoi rami d’attività.

“Le nostre soluzioni aiutano le aziende IT a migliorare la loro efficienza e, pertanto, ci consentono di essere “cross” sia per tipo di marcato sia per diffusione geografica – sottolinea Rino Adamo, Amministratore delegato di Gruppo RES -. RES mantiene la sua importante presenza nel settore finanziario, che copre ancora circa la metà del fatturato, ma si è ingrandita con una politica di acquisizioni per includere nel suo target anche società finanziarie, di servizi ICT, Utility, Pubblica Amministrazione, editoria, comunicazione, industria, retail e GDO. Negli ultimi anni il fatturato è più che raddoppiato e ora disponiamo di 120 dipendenti e una quarantina di collaboratori”.

Rino Adamo, Amministratore Delegato di Gruppo RES

Il 2018 sarà per il Gruppo un anno di consolidamento indirizzato a migliorare l’efficienza interna e la gestione “perché – conclude Adamo – vogliamo che il Gruppo evolva in modo coeso e che i risultati della ricerca si estendano a tutte le sue componenti”.

LASCIA UNA RISPOSTA

Per favore inserisci i tuoi commenti
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.