Socomec lancia gli UPS per le nuove smart factory

La famiglia di UPS Masterys di Socomec giunge alla quarta generazione che consente l'integrazione di tecnologie smart all'interno dell'infrastruttura elettrica. Tra le novità anche un'App di realtà aumentata a supporto degli installatori

UPS Socomec Masterys GP4
Gli UPS Socomec di quarta generazione Masterys GP4

Compie 95 anni Socomec, gruppo internazionale che sviluppa e produce apparecchiature elettriche ad alta efficienza energetica con una focalizzazione sulle reti elettriche a bassa tensione, che conta oltre 3100 addetti e un fatturato superiore a 500 milioni di Euro.

Socomec opera su uno scenario di mercato variegato, che comprende settori quali data center, sanità, energia, infrastrutture, industria e building intelligente, con focalizzazione su soluzioni di alimentazione innovative (power switching), strumenti di monitoraggio per migliorare l’efficienza energetica di edifici e impianti (power monitoring), soluzioni per garantire la qualità energetica e la disponibilità (power conversion); il tutto sorretto da un’articolata offerta di servizi.

“Viviamo in un mondo sempre più connesso – osserva Giancarlo Battini, southern Europe regional managing director di Socomec -. Gli analisti prevedono per il 2020 che ci saranno 4 miliardi di persone e 30 miliardi di oggetti connessi. E’ importante accelerare l’evoluzione nell’impresa e rivedere i modelli di business e le soluzioni di Socomec rispondono alle nuove esigenze in modo innovativo e in anticipo sui nostri concorrenti”.

Giancarlo Battini, southern Europe regional managing director di Socomec

L’alimentazione è una risorsa sempre più critica

Questa evoluzione crea nuovi ecosistemi in cui la disponibilità e l’efficienza dell’alimentazione costituiscono un elemento di vantaggio competitivo.

“La domanda di alimentazione critica è in crescita – conferma Leo Saro, market and product manager degli UPS prodotti in Italia di Socomec – e si estende dagli ambiti più tradizionali a tutti i settori: dalla sanità, al commercio elettronico, dai sistemi di pagamento allo smart manufacturing. Quest’ultimo, in particolare, è un campo di enorme portata guidato da IoT, edge computing e cloud, in cui l’alimentazione elettrica farà sempre più la differenza”.

Dal 2004 Socomec produce la gamma di UPS Masterys, che vanta oltre 90mila unità installate di media potenza. Aspetti caratteristici di questa gamma sono la spinta possibilità di personalizzazione con la possibilità di scegliere a catalogo l’insieme di caratteristiche che andranno a comporre la soluzione finale.

UPS Masterys: pronti per le smart factory

La famiglia di UPS Masterys giunge ora alla quarta generazione. Si tratta di una soluzione nata pensando all’evoluzione digitale, che consente l’integrazione di tecnologie smart all’interno dell’infrastruttura elettrica.

Gli UPS Masterys di quarta generazione sono disponibili in una versione ad alte prestazioni (siglata GP4) in opzioni da 60 a 160 kVA/kW e in una di tipo “general purpose” (siglata BC+) da 100 a 160 kVA.

Questi dispositivi sono controllati tramite microprocessore ridondato, prevedono monitoraggio permanente delle prestazioni via Web per manutenzione predittiva e possono essere connessi tramite gateway per applicazioni IoT sfruttando il cloud proprietario di Socomec. Il design rinnovato favorisce gli interventi e rende il tempo di ripristino ancora più rapido.

Gli UPS Masterys sono interamente costruiti in Italia e vantano un MTBF (Mean Time Before Failure) dichiarato e certificato da Socomec di oltre 300mila ore; inoltre sono certificati per la resistenza in zona sismica di massimo livello (Zona 4).

UPS Socomec Masterys BC+
Gli UPS Socomec di quarta generazione Masterys BC+

Una App per supportare l’installatore

Tra le novità vi è la disponibilità della App denominata eWire, indirizzata agli installatori dei nuovi UPS, che sfrutta tecnologia di realtà aumentata. L’App è in grado di riconoscere l’UPS Masterys e la sua configurazione e di acquisirne in modo automatico tutti i dati.

Sullo smartphone o il tablet l’installatore riceve in tempo reale tutte e sole le informazioni di cui ha bisogno, con le istruzioni in successioni sulle operazioni e i controlli da effettuare come, per esempio, il posizionamento dell’unità, la verifica della protezione elettrica, il cablaggio e così via. Alla fine del processo guidato, viene creato automaticamente un report che viene inviato al Socomec Services Center.

Se qualcosa non è conforme l’installatore riceve dal centro servizi avvisi o indicazioni sulle modifiche da effettuare. Quando tutto è corretto viene prodotto un documento in formato pdf di validazione della connessione e di autorizzazione alla messa in servizio; quest’ultima fase richiederà l’intervento in loco di un addetto Socomec, che avrà la certezza di trovarsi di fronte un sistema configurato a regola d’arte.

LASCIA UNA RISPOSTA

Per favore inserisci i tuoi commenti
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.