Crittografia quantistica: nuova frontiera di protezione

La crittografia quantistica sfrutta i principi della fisica quantistica per cifrare i dati in modo virtualmente non craccabile ed è un mercato che varrà 2 miliardi di dollari entro il 2024. Tra le aziende in prima linea Toshiba.

Quantum computing
© Nicholashan | Dreamstime Stock Photos

Se ne parla già da un po’ di tempo ma, per la maggior parte degli operatori, resta ancora un tema piuttosto oscuro. Parliamo della crittografia quantistica, tecnologia che utilizza i principi della fisica quantistica per realizzare una cifratura delle informazioni virtualmente non craccabile anche nel caso in cui si disponesse di infinita capacità di calcolo per utilizzare tecniche “brute force”.

Secondo la società di analisi Global Industry Analysts (Quantum Cryptography: a research brief, Giugno 2017) il mercato globale per la crittografia quantistica raggiungerà 2 miliardi di dollari entro il 2024, spinto dalle crescenti esigenze di trasmissioni di dati sicure attraverso le reti a fronte dell’incremento incessante del numero di frodi.

A guidare questa crescita, secondo la società di analisi americana, contribuiranno l’incremento nell’adozione di soluzioni di controllo di qualità per le iniziative di eGovernment, la volontà di molti Paesi di rendere disponibili opzioni online per i pagamenti delle bollette e l’incremento delle attività di banking online. Anche l’ecosistema in espansione dell’Internet of Things (IoT) e la richiesta di meccanismi di cifratura dei dati efficaci sui dispositivi personali (per arginare i rischi del fenomeno BYOD) alimentano importanti opportunità di crescita per la crittografia, soprattutto nel settore enterprise.

Anche se, attualmente, il metodo di cifratura quantistica è ancora lontano dal rappresentare un tradizionale approccio alla protezione delle reti dati, l’innovazione tecnologica potrebbe accelerarne l’adozione e renderlo un sostituto per le esistenti soluzioni di sicurezza in un orizzonte temporale a medio-lungo termine.

Gli Stati Uniti rappresentano il maggiore mercato al mondo, mentre l’area asiatica del Pacifico rappresenta il mercato in più rapida crescita guidato dalla Cina.

La crittografia quantistica nel settore finanziario

Tra gli ostacoli principali da superare, per favorire una diffusione su larga scala della crittografia quantistica, vi è lo sviluppo di sistemi crypto-quantistici interoperabili e, soprattutto, il costo attualmente elevato.

Global IT security protection concept of connected devices.
© Nils Ackermann | Dreamstime Stock Photos

In alcuni settori di mercato quest’ultimo limite si fa sentire meno che in altri. Tra questi vi è il settore finanziario che nel report di Ponemon Institute “Cost of Data Breach Study 2017” promosso da IBM fa registrare costi elevatissimi in caso di violazione dei dati: intorno ai 245 dollari per record, secondo solo al settore sanitario che ammonta a 318 dollari per record.

Va anche considerato, per esempio, che la tecnica di esfiltrazione e decriptazione successiva dei dati rappresenta una minaccia significativa per l’integrità dei dati finanziari in cloud. Molti file sensibili sono già stati sottratti e archiviati da cyber criminali in attesa di avere, in futuro, la capacità di calcolo necessaria per decodificare il contenuto con computer di nuova generazione.

Toshiba in prima linea

Tra le aziende in prima linea nello sviluppo di tecnologie informatiche che sfruttano le leggi della fisica quantistica vi è Toshiba, che ha predisposto un gruppo di ricerca specifico: The Quantum Information Group.

L’azienda giapponese è stata tra le prime a sviluppare tecnologie di crittografia quantistica per il trasporto sicuro di informazioni su cavi in fibra ottica codificando le informazioni a livello di singoli fotoni (quanti di luce). In parallelo, l’attività del laboratorio sta sviluppando le nanotecnologie richieste per i sistemi di elaborazione quantistici del futuro.

“La crittografia quantistica contribuisce a colmare questa crescente esigenza di sicurezza. – ha dichiarato Massimo Arioli, Head of B2B Sales&Marketing, Toshiba Personal & Client Solutions Company, Italy -. Grazie all’introduzione del calcolo quantistico, le basi del computing stanno passando dalla matematica alla fisica e di conseguenza anche il settore finanziario dovrà cambiare le modalità di protezione dei propri dati. La crittografia quantistica sta diventando un metodo di protezione efficace, necessario per combattere il numero crescente di minacce”.

LASCIA UNA RISPOSTA

Per favore inserisci i tuoi commenti
Per favore inserisci il tuo nome qui