Le sorprese di Bennu, asteroide vicino alla Terra

La missione OSIRIS- REx lanciata dalla NASA nel 2016 per esplorare Bennu, il corpo più piccolo attorno al quale abbiano mai orbitato dalle astronavi, ha mostrato fenomeni inaspettati

This view of asteroid Bennu ejecting particles from its surface on January 19 was created by combining two images taken on board NASA’s OSIRIS-REx spacecraft. Other image processing techniques were also applied, such as cropping and adjusting the brightness and contrast of each image. Credits: NASA/Goddard/University of Arizona/Lockheed Martin

Dovrà aspettare fino al 2023 la nave spaziale della NASA della missione NASA Origins, Spectral Interpretation, Resource Identification, Security- Regolith Explorer (OSIRIS- REx ) per riportare sulla Terra un campione di un asteroide posto vicino al nostro pianete chiamato Bennu attorno al quale sta orbitando dal 31 dicembre 2018.

OSIRIS- REx è stato lanciato nel 2016 per esplorare Bennu, che è il corpo più piccolo attorno al quale abbiano mai orbitato dalle astronavi.

L’asteroide Bennu, che è solo leggermente più largo dell’altezza dell’Empire State Building, può contenere materiale rimasto inalterato dall’inizio del nostro sistema solare.

Studiare Bennu permetterà ai ricercatori di sapere di più sulle origini del nostro sistema solare, le fonti di acqua e le molecole organiche sulla Terra, le risorse nello spazio vicino alla Terra, così come migliorare la nostra comprensione degli asteroidi che potrebbero avere impattare sulla Terra.

La sorpresa dei “pennacchi”

Il 6 gennaio 2019, la NASA ha potutto osservare per la prima volta una serie di “pennacchi” di particelle eruttanti dalla superficie dell’asteroide: un fenomeno sorprenente e inaspettato che si è ripetuto nei due mesi successivi.

Sebbene molte delle particelle siano state espulse da Bennu, il team della NASA ha osservato alcune particelle che orbitavano attorno a Bennu come satelliti prima di tornare sulla superficie dell’asteroide.

Il team continua ad analizzare i pennacchi delle particelle e le loro possibili cause.

“I primi tre mesi di indagine ravvicinata su Bennu di OSIRIS – REx ci hanno ricordato il significato di scoperta – sorprese, rapidità di pensiero e flessibilità – ha detto Lori Glaze, direttore della Divisione di Scienze Planetarie presso la sede della NASA a Washington -. Studiamo asteroidi come Bennu per conoscere l’origine del sistema solare. L’ esempio di OSIRIS – REx ci aiuterà a rispondere ad alcune delle più grandi domande su da dove veniamo. “

Attenti ai massi

Bennu si è anche rivelato più robusto del previsto, sfidando il team della missione a modificare il suo volo e i piani di raccolta dei campioni, a causa del terreno accidentato.

Il team di Osiride REx, infatti, non aveva previsto correttamente il numero e le dimensioni dei massi sulla superficie di Bennu.

Dalle osservazioni terrestri, il team si aspettava una superficie generalmente liscia con alcuni massi di grandi dimensioni. Invece, ha scoperto che l’ intera superficie di Bennu è ruvida e densa di grandi rocce.

La stima originale di pochi massi era derivata sia dalle osservazioni terrestri dell’inerzia termica di Bennu – ovvero dalla sua capacità di condurre e immagazzinare il calore – sia dalle misurazioni radar della sua ruvidità superficiale.

Ora che Osiride REx ha mostrato da vicino la superficie, quelle aspettative di una superficie più liscia si sono rivelate sbagliate. Ciò suggerisce che i modelli di computer usati per interpretare i dati precedenti non predicono in modo adeguato la natura delle superfici di asteroidi piccoli e rocciosi.

La densità di massi più alta del previsto ha richgiesto di modificare i piani della missione per la raccolta dei campioni, nota anche come Touch-and-Go (TAG).

Il progetto della missione originale era basato su un sito campione privo di pericoli, con un raggio di 25 metri. Tuttavia, a causa del terreno inaspettatamente accidentato, il team non è stato in grado di identificare un sito di tale dimensione su Bennu. Invece, ha iniziato a identificare i siti candidati che hanno un raggio molto più piccolo.

La dimensine più piccola del sito campione e il maggior numero di massi richiederanno prestazioni più accurate dal veicolo spaziale durante la sua discesa verso la superficie rispetto a quanto originariamente previsto.

Il team di missione sta sviluppando un approccio aggiornato, denominato Bullseye TAG, per indirizzarsi in modo accurato verso i nuovi siti campione.

Effetto YORP

Il team scientifico di OSIRIS – REx ha fatto molte altre scoperte su Bennu nei tre mesi successivi all’arrivo dell’astronave sull’asteroide, alcune delle quali sono state presentate martedì alla 50a Conferenza Lunare e Planetaria a Houston e in una raccolta speciale di documenti rilasciata dalla rivista Nature.

La squadra ha osservato direttamente un cambiamento nella velocità di rotazione di Bennu come risultato di quello che è noto come effetto Yarkovsky-O’Keefe-Radzievskii-Paddack (YORP).

Ciò che accade è che il riscaldamento e il raffreddamento irregolari di Bennu, mentre ruota esposto alla luce del sole, stanno causando un aumento della velocità di rotazione dell’asteroide.

Di conseguenza, il periodo di rotazione di Bennu sta diminuendo di circa un secondo ogni 100 anni.

INoltre, separatamente, due degli strumenti della nave spaziale, la MapCam Color Imager e lo Spettrometro ad Emissione Termica OSIRIS – REx (OTES), hanno effettuato rilevazioni di magnetite sulla superficie di Bennu , che confermano precedenti scoperte che indicano l’interazione della roccia con l’acqua liquida sul corpo genitore di Bennu .

Ulteriori informazioni sulla missione OSIRIS – REx sono dispnibil a questo LINK

LASCIA UNA RISPOSTA

Per favore inserisci i tuoi commenti
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.